Questo sito utilizza solo cookie tecnici, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso in quanto necessari a fornire i servizi richiesti. Se vuoi saperne di più clicca qui
Accetto

Scarica gratis
l'e-Book "Imprenditori del Web con Amazon"

Sì, voglio scaricare subito GRATIS questo e-book. Inserendo qui sotto il tuo indirizzo email NON riceverai MAI spam e potrai cancellarti in qualunque momento con 1 semplice click! Privacy Policy
Marco Bazzan - Lunedi 18 Settembre 2017 - 11:07:53

Natale Amazon

Il gigante americano dell'e-commerce, che solo nel nostro paese muove milioni di pacchi ogni anno, prevede un picco di consegne con l'avvicinarsi delle feste natalizie. Il principale responsabile delle consegne in Italia sono proprio le poste italiane, le quali stimano di dover far fronte ad un aumento delle consegne che si aggirerà intorno al 30%. Per far fronte a questo sovraccarico si prevedono quindi in tutta Italia 1500 assunzioni a tempo determinato, dedicate specificamente alla consegna di pacchi Amazon.

Il lavoro prevede consegne quotidiane e rapide, dal Lunedì al Venerdì con l'aggiunta del Sabato per le città maggiori.

Chi è interessato a questa opportunità potrà inviare il proprio CV sul sito delle Poste, seguendo la procedura on-line.

Marco Bazzan - Lunedi 11 Settembre 2017 - 13:23:26

Amazon skyline

Amazon cerca la sua seconda casa. Il colosso di Jeff Bezos intende costruire il suo secondo quartier generale negli Stati Uniti in gradi ospitare fino a 50.000 dipendenti e con un investimento di 5 miliardi di dollari.

La località non e' ancora stata scelta: Amazon ha invitato gli 'interessati' a presentare le loro proposte. I requisiti per la candidatura sono: un'area metropolitana con più di un milione di abitanti, a una distanza di circa 45 minuti da un aeroporto internazionale e vicino a un forte sistema universitario. Chi intende candidarsi può presentare le proprie proposte entro il 19 ottobre.

L'annuncio innescherà probabilmente una gara fra gli stati e le città americane per accaparrarsi la seconda casa di Amazon, viste le ricadute economiche che l'investimento miliardario può avere per l'area selezionata. Il colosso delle vendite online non nasconde che gli incentivi dei governi statali e locali giocheranno come ''fattore importante'' nella scelta. Ma allo stesso tempo precisa: ogni dollaro che Amazon ha investito a Seattle ha generato complessivamente per la città ulteriori 1,40 dollari per un totale, fra il 2010 e il 2016, di ulteriori 38 miliardi di dollari di investimenti per la città.

''La nuova sede, HQ2, sarà esattamente alla pari con il quartier generale di Seattle. E porterà miliardi di dollari di investimenti e decine di migliaia di posti di lavoro ben pagati'' afferma Bezos, chiarendo che la nuova sede sarà un secondo quartier generale e non non si tratterà di uffici satellite rispetto alla base di Seattle. I manager - spiega - potranno scegliere dove basare le loro squadre di lavoro.

L'apertura della nuova mega sede conferma la corsa senza freni di Amazon, da libreria virtuale a colosso delle vendite al dettaglio mondiale. Dal 1995 a oggi Amazon ha effettuato 130 acquisizioni e investimenti in tutti i settori, dalla musica al cloud computing. In giugno ha acquistato Whole Foods per 13,7 miliardi di dollari, lanciando il proprio affondo sul mercato degli alimentari. Dopo aver rivoluzionato le librerie e l'intero commercio, mandando in crisi i vecchi grandi magazzini, Amazon punta infatti ai cibi biologici. La prossima sfida potrebbe essere alle farmacie.

Fonte: tio.ch

Marco Bazzan - Mercoledi 30 Agosto 2017 - 04:11:49

Jeff Bezos

"Bribe them" = corrompili

L'ideatore di Amazon spiega in questa maniera la strategia che ha adottato per attrarre i millennial ed invogliarli a tornare clienti di Whole Foods, la catena di prodotti alimentari recentemente acquisita dal colosso Americano dell'e-commerce, che negli ultimi anni aveva visto un calo importante di vendite.

Una generazione di grandi ideali, molto attenta alla provenienza del proprio cibo e all'impatto ambientale di ogni loro passo, con una bassa stima del denaro e delle grandi multinazionali che pensano solo ai profitti. Quindi sì ai prodotti "green", ma no al portafoglio "al verde".

Jeff ha capito bene questa nuova cultura che lo ha aiutato a rendere Amazon il colosso che conosciamo tutti (i prezzi più bassi in assoluto sono sempre stati il punto forte) ed è per questo che la maggior parte dei prodotti di Whole Foods ha visto un ribasso definitivo dei prezzi intorno al 30%. Niente male, i millennial apprezzeranno sicuramente.

Marco Bazzan - Giovedi 24 Agosto 2017 - 07:25:51

amazon e wholefoods

Gli azionisti di Whole Foods hanno dato il via libera definitivo alla fusione con Amazon. Questo accordo dal valore di $13,7 miliardi era già stato annunciato ufficialmente a Giugno, dando il via a quella che sarà la nuova avventura dell'e-commerce Americano nel commercio fisico alimentare.

Questo permesso concesso dai soci della catena di supermercati è solo un primo passo, ora servirà il via libera delle autorità regolamentari, tra le quali il famoso antitrust. Si tratta della più grande operazione nel settore retail del 2017, prendendo invece il terzo posto tra le più grandi a partire dal 1995.

Per questo motivo girano rumor sul fatto che Google e Wal-Mart stiano preparando a loro tempo una partnership per far fronte al loro competitor principale, per no perdere il mercato degli alimentari al dettaglio che negli USA vale $700 miliardi.

Marco Bazzan - Venerdi 28 Luglio 2017 - 04:16:03

Jeff Bezos

Gli ultimi sbalzi di oltre $15 delle azioni di Amazon, e la contemporanea lieve diminuzione di quelle Microsoft hanno appena permesso a Jeff Bezos di diventare l'uomo più ricco del mondo.

Con un totale di 90,9 miliardi di dollari scavalca di 500 milioni Bill Gates, portandosi in cima alla lista degli uomini più ricchi del mondo e prendendosi lo scettro del mondo nel Bloomberg Billionaires Index.

Marco Bazzan - Martedi 25 Luglio 2017 - 03:30:04

Amazon Fresh

Amazon sembra intenta a sfondare nel mercato culinario. Dopo l'acquisizione del colosso Whole Foods per 14 miliardi, Amazon ora riesce a consegnare tutta la spesa (inclusi prodotti deperibili) direttamente a casa grazie al nuovo servizio "Amazon Fresh" disponibile nelle più grandi città.

Per lanciare questo servizio Amazon ha stretto un accordo con un leader del settore, Tyson Foods. Questa partnership ha permesso la nascita del servizio "Fresh" che consiste nel far arrivare a casa pacchetti di ingredienti specifici per delle ricette pre stabilite. Facendo delle ricerche, la rivista Tech Crunch ha già scoperto anche lo slogan che verrà usato: "We do the prep, you do the chef" (noi prepariamo, tui fai lo chef).

Bisogna ancora capire esattamente come si differenzierà questo servizio da quelli già famosi (Blue Apron in America e Fanceat in Italia per dirne alcuni) ma quel che è certo è che questi tipi di servizi rivoluzioneranno il mondo degli alimentari.

Fonte: Tech Crunch

Marco Bazzan - Lunedi 17 Luglio 2017 - 06:30:04

App

Amazon si sta impegnando ad innovare su tanti fronti, veicoli autonomi, prodotti high-tech per la casa, intelligenza artificiale e adesso anche una nuova app per fornire un servizio "chat" come quelli di WhatsApp e Messenger. "Quindi cosa c'è di innovativo?" vi starete chiedendo...

Prendendo spunto dai servizi appena citati, ma sopratutto da "WeChat" (più usato in Cina) Amazon punta a creare una app unica per comunicare, fare shopping, vendere prodotti, fare pubblicità e molto altro. Per adesso si pensa al nome "Anytime" e le specifiche tecniche sono ancora molto vaghe, ma quello che è certo è che Amazon punta a rivoluzionare questo settore delle app nel mondo "occidentale", con l'ottica di spiazzare le regine del settore che da tempo sembrano essersi fossilizzate.

Pensate a Facebook, Amazon e WhatsApp tutte nella stessa app. Non useremmo altro.

Marco Bazzan - Giovedi 6 Luglio 2017 - 04:02:11

Scatole Nike

Dopo anni di tentativi Nike e Amazon hanno finalmente raggiunto un accordo che permetterà al colosso dell'e-commerce di vendere i prodotti del colosso dell'abbigliamento sportivo. Inizialmente si tratterà di un periodo di prova nel quale verranno dedicati solo alcuni prodotti, in quantità limitata, per vedere i risultati e valutare se veramente sarà conveniente per entrambe le aziende.

Per Amazon quasi sicuramente lo sarà, aspettiamo a vedere cosa ne penserà la Nike.

Fonte: Trendonline

Marco Bazzan - Mercoledi 28 Giugno 2017 - 05:08:32

prime day

Aukey ha rilasciato questa immagine che annuncia l’arrivo del prossimo Prime Day dal 5 al 11 Luglio.
L’anno scorso fu un enorme successo per l’ecommerce americano che mise in saldo più di 100.000 prodotti.
Manca la conferma ufficiale da parte di Amazon quindi “restate sintonizzati” per i prossimi aggiornamenti!
Fonte: Aukey

 

Marco Bazzan - Martedi 27 Giugno 2017 - 11:11:20

Noi lo diciamo da tempo che Amazon rappresenta il futuro e una grandissima opportunità per fare business...e adesso anche Marco Montemagno che non ha bisogno di introduzioni ci dà ragione! Con questo suo video spiega in maniera semplice ma dettagliata come Amazon stia facendo progressi da gigante, e come rappresenti una delle più grandi opportunità di questi tempi!

Amazon diventerà la prima Trillion dollar Company...e tu?

Vuoi diventare imprenditore del web con Amazon e crearti una rendita in più?
o vuoi aspettare...

Ma cosa aspetti?!?! :) scrivici!

Marco Bazzan - Lunedi 19 Giugno 2017 - 05:24:19

Top Retailers

Anno dopo anno le vendite di beni online guadagna sempre più terreno sulle catene tradizionali che vendono tramite negozi fisici. Ora per la prima volta Amazon, il più grande e-retailer al mondo, entra a far parte dei primi 10 distributori mondiali grazie al sorpasso sulla catena tedesca Metro. Questo sorpasso è dovuto ad un fatturato nel 2015 pari a 79,3 miliardi di dollari con un aumento del 13%. Poco più avanti si trovano Tesco con 81 miliardi, il discounter Aldi con 82 miliardi e Carrefour con 84,4 miliardi. Considerando i tassi di crescita di Amazon, ulteriori sorpassi nei prossimi anni non sarebbero sorprendenti.  

La classifica è stata stilata da Deloitte, e i primi nomi italiani si possono trovare al 76° e 77° posto con Coop e Conad rispettivamente, le quali perdono una decina di posizioni rispetto alla classifica precedente. Situazione simile per la prossima italiana, l'Esselunga che passa dalla 121esima posizione alla 125esima.
 
Walmart resta di gran lunga distaccato in prima posizione, ma il fatto che non sia riuscito (fino ad oggi almeno) a immettersi nel settore on-line nonostante i grandi impegni presi dimostra che si tratti di due mercati simili ma concretamente diversi. Walmart è la prima a riconoscere l'importanza di questo nuovo settore che sta facendo dei numeri da capogiro in termini di crescita, quindi il primato di Amazon e le innovazioni disponibili (buy button per dirne una) lascia pensare che presto sarà lei la numero 1.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Marco Bazzan - Martedi 13 Giugno 2017 - 08:31:07

Amazon vuole servire qualunque fetta di mercato, quindi è disposta a dimezzare (o quasi) il costo dell'abbonamento Prime per i clienti meno abbienti. Negli Stati Uniti l'abbonamento Prime costa $99 all'anno, che detto così potrebbe sembrare esagerato visto che in Italia costa €19,99, ma in realtà da loro le distanze da coprire sono molto più grandi e inoltre si riceve l'accesso ad Amazon Video che è un servizio di streaming con film, serie TV, show, etc etc...quindi da un lato è giustificato, ma dall'altro rimane comunque alto. In realtà nel tempo Amazon ha potuto aprire sempre più magazzini delocalizzati in giro per il paese, abbassando i costi di spedizione e dando spazio a questa nuova iniziativa per i clienti con un reddito più basso. Le persone incluse da questa iniziativa saranno valutate da Amazon e dovranno risultare idonee per ricevere una qualunque forma di aiuto sociale governativo.

Il servizio Prime non è mai stato destinato ad essere una fonte di guadagni direttamente, ma come in questo caso è un veicolo per assicurarsi più clienti che poi saranno più inclini a spendere e generare guadagni in secondo luogo. Come spesso accade, Amazon fa scuola di marketing.

Marco Bazzan - Mercoledi 31 Maggio 2017 - 04:36:23

Amazon Shares

Ieri il valore di una azione Amazon ha toccato (e superato di pochissimo) i $1000!

E' un record storico per l'azienda che al suo debutto in borsa nel 1997 valeva solo $68 ad azione, e se non ci fossero stati i tre frazionamenti azionari verso la fine degli anni '90, una singola azione oggi avrebbe un valore vicino ai $12000!

Il grafico dell'andamento di ieri mostra che il prezzo non è riuscito a sfondare realmente la quota di $1000, formando un doppio massimo proprio su quella che si può reputare una resistenza "psicologica" del mercato. Il prezzo è sceso leggermente ma per adesso rimane sempre sopra i $995, quindi viste le previsioni rosee di tutti i più grandi analisti, la rottura definitiva di questa soglia psicologica potrebbe avvenire molto presto!

Marco Bazzan - Venerdi 26 Maggio 2017 - 06:57:00

James Gosling

Amazon sta creando un super team di personaggi speciali. L'ultimo assunto è il canadese James Gosling, noto come il "padre di Java".

Iniziò a lavorare per Sun Micorsystems nel 1984, dove invetò il linguaggio di programmazione a oggetti Java guadagnandosi una fama di livello mondiale. Fù lui a implementare il primissimo compilatore e la prima versione della macchina virtuale Java. Tutt'oggio questa macchina virtuale è il "marchio di fabbrica" del linguaggio che permette di eseguire lo stesso codice su sistemi diversi, senza la necessità di modifiche. Lo slogan Java infatti è "write once, run everywhere". Una volta lasciato Sun Microsystems nel 2010, lavorò per Google dedicandosi allo sviluppo di un robot a immersione.

Gosling adesso diventerà parte del team di sviluppo della piattaforma cloud di Amazon AWS (Amazon Web Services). Non sono stati rilasciati dettagli precisi su quello che sarà il suo ruolo, ma il sospetto è che Gosling si occuperà della realizzazione di un insieme di strumenti che proietteranno l'azienda nell'innovativo mondo dell'Internet delle cose.

Fonte: ilsoftware.it

Marco Bazzan - Mercoledi 24 Maggio 2017 - 06:08:46

finish line

 Negli anni si sono visti molti bei duelli tra le varie aziende quotate in borsa per raggiungere una nuova quotazione da record, specialmente tra i nomi della Silicon valley, ma da qualche anno senza dubbio è diventata una gara a due tra Alphabet (casa madre di Google) e Amazon. Il traguardo, ormai certo, è il valore di 1000 dollari per azione!

Entrambi hanno ottenuto nell'ultimo anno un rally borsistico vicino al 35% e adesso ballano tra i 950 e i 960 dollari per azione, con una capitalizzazione di 661 miliardi da una parte e 468 miliardi dall'altra. Per tutti gli analisti non è una questione di "se", ma di quando verrà raggiunto il fatidico traguardo. Girano rumor di persone che hanno fatto il mutuo sulla casa per acquistare azioni in tempo, con l'obbiettivo di venderle poi appena passata quella soglia...gli auguriamo di aver scelto le azioni giusti, perchè l'esito di questo duello è tutt'altro che scontato!

Fonte: Handelsblatt

Marco Bazzan - Martedi 16 Maggio 2017 - 11:05:19

reverse logistics

Questo Venerdì Amazon ha presentato il suo futuro centro logistico di Sered, in Slovacchia, che dovrebbe diventare operativo questo autunno, dando lavoro ad un migliaio di persone nel corso dei prossimi 3 anni. Questo centro logistico tratterà esclusivamente la "logistica di ritorno" (reverse logistics), ossia il trasporto dei prodotti dal cliente finale, all'indietro nella catena di distribuzione fino al produttore iniziale, o ad un nuovo cliente. Lo scopo di questi movimenti è recuperare il valore da prodotti che hanno esaurito il loro ciclo di vita, e questo è il terzo centro logistico di Amazon al mondo destinato a gestire questo tipo di attività in tutta Europa.

Marco Bazzan - Martedi 9 Maggio 2017 - 05:38:36

google veicolo autonomo

Amazon sta valutando le automobili a guida autonoma come mezzo per arrivare più velocemente alle porte dei propri clienti.

Ormai tutti i giganti della tecnologia stanno valutando i veicoli a guida autonoma. Alphabet (proprietaria di Google) ha recentemente reso Waymo una sussidiaria, mentre Apple ha appena ricevuto la licenza per effettuare test con i veicoli autonomi in California. Ford e GM invece stanno raddoppiando i propri investimenti nel campo dei veicoli autonomi.

Amazon invece non sembra intenzionata a produrre questi veicoli. Il gigante dell'ecommerce invece ha dedicato un team di una dozzina di persone a trovare i modi migliori per sfruttare questa tecnologia in fase di crescita, per espandere le proprie operazioni di vendita e logistica.

Flotte di camion autonomi per trasportare i prodotti acquistati dai clienti potrebbe aiutare a ridurre i costi dell'azienda. Amazon spende miliardi di dollari ogni quadrimestre solo in spedizioni, e questi costi continuano ad aumentare mentre Amazon cerca di spedire di tutto (inclusi elettrodomestici e televisori) in due giorni o meno, in giro per il mondo.

Negli ultimi due anni Amazon ha cercato di incorporare aspetti delle spedizioni, affittando camion, aerei e navi da aziende come UPS e FedEx. L'azienda ha inoltre iniziato a sperimentare con droni per la consegna dai magazzini alle porte dei clienti come parte del Prime Air Initiative.

Nei primi mesi di quest'anno Amazon ha ottenuto un brevetto per la tecnologia che permetterebbe ai veicoli autonomi di navigare nel traffico sulle autostrade.

Fonte: Fortune.com

Marco Bazzan - Lunedi 8 Maggio 2017 - 02:06:34

Alexa con display

Sono state rilasciate le prime immagini di quella che sarà la prossima generazione Amazon Echo.

Sicuramente verranno effettuati altri cambiamenti prima del rilascio ufficiale, ma quello che è certo è che il prossimo Amazon Echo sarà dotato di un display, magari anche touchscreen, di 7''. Rimane uno speaker relativamente ampio e in più si può notare una fotocamera sopra al display.

Dalle immagini del display si possono riconoscere una interfaccia che prende ispirazione dai tablet Fire di Amazon. Sono previste interazioni con smartphone e ovviamente non potrà mancare "l'anima" dell'Amazon Echo, ossia Alexa, l'assistente vocale di Amazon.

Fonte: smartworld.it

Marco Bazzan - Venerdi 5 Maggio 2017 - 04:05:10

subscribe with amazon

Amazon ha lanciato una nuova piattaforma che permette alle attività con servizi in stile "subscription" di vendere i loro prodotti su Amazon.

Il marketplace "Subscribe with Amazon" permette ai clienti di acquistare "subscription" a prodotti come SlingTV streaming, Headspace meditation, Dropbox Plus, video fitness, classi online, e molto altro.

Sono incluse ovviamente subscription più tradizionali, simili a quelle già presenti e molto sfruttate sui dispositivi Amazon Kindle, inclusi il Chicago Tribune, LA Times, Wall Street Journal e New Yorker.

Questa nuova piattaforma è parte degli impegni che Amazon sta prendendo per mantenere i suoi clienti nel servizio Amazon Prime tutto l'anno. Anche se Amazon vende prodotti digitali a singolo utilizzo come film e musica, non è l'unica a spingere per avere più opzioni di "subscription". Apple per esempio ha aggiunto più opzioni al suo Apple Music service sempre in forma di subscription, incentivando i developer di APP ad offrire loro stessi più forme di subscription.

Fonte: CNBC

Marco Bazzan - Mercoledi 26 Aprile 2017 - 06:09:11

Wedbush

Wedbush Securities, uno dei più importanti investment firm con sede in California, ha appena aumentato il target price per le azioni di Amazon. Partendo dalla loro previsione precedente di $900 sono arrivati ad una quotazione prevista di $1.250!

Tutto il mercato si aspetta che Amazon diventi la prima a rompere il tetto dei $1.000 già da qualche tempo, ma questa è la prima dichiarazione così precisa di un target che va ben oltre le aspettative.

Stiamo a vedere!

Fonte: Trend Online

Marco Bazzan - Lunedi 24 Aprile 2017 - 05:35:44

Marco Bazzan - Lunedi 24 Aprile 2017 - 04:15:14

I nuovi "uffici" di Amazon in construzione nel centro di Seattle saranno come un parco con cascate e giardini, per lavorare e pensare diversamente:

 

Marco Bazzan - Venerdi 21 Aprile 2017 - 09:30:46

handmande Amazon

I piccoli artigiani hanno sempre temuto gli effetti della globalizzazione e l'invasione delle multinazionali. Finalmente è arrivato il grande gigante gentile chiamato Amazon per aiutarli.

Handmade è stato lanciato da Amazon nel 2016, con 10 categorie di prodotti "artigianali" provenienti da più di 50 paesi, come gioielli, decorazioni casa, arte e materiale decorativo, cucina e pranzo e mobili, con 1/3 degli articoli personalizzabile direttamente sulla piattaforma online. In questo periodo, con ormai più di cinque mila seller, centinaia di migliaia di creazioni artigianali sono state rese disponibili sui mercati europei di Amazon (Italia, Spagna, Fancia, Germania e UK).

“Handmade offre un’opportunità unica per far crescere efficacemente e rapidamente il proprio business, consentendo di focalizzare l’attenzione su ciò che più conta: la realizzazione di articoli unici per i clienti”, afferma Francois Saugier, vice president for Amazon Seller Services in Europe.

Per aiutare anche nei processi logistici e le spedizioni, Amazon ha reso disponibile il programma di logistica Amazon, con ritiro, magazzini, impacchettamento e consegna dei prodotti ai clienti per conto dei piccoli artigiani.

“Il programma Logistica di Amazon è stato progettato per aiutare le piccole aziende e i venditori e permettere loro di concentrarsi ancora più sulle loro creazioni anziché sulla logistica, in modo da poter sviluppare a tempo pieno il proprio futuro lavorativo”, spiega Sara Caleffi, director marketplace Amazon Italia.

Fonte: corrierecomunicazioni.it

Marco Bazzan - Martedi 18 Aprile 2017 - 09:51:24

bottone amazon pay

Da pochi giorni è disponibile in Italia e in altri paesi europei il nuovo servizio per i pagamenti online del colosso di Seattle, Amazon Pay. Questo servizio che avevamo già esplorato in passato nel nostro blog è un diretto concorrente per il più famoso PayPal.

Amazon ha già stretto accordi con alcune tra le più importanti piattaforme di e-commerce come BigCommerce, Magento, Shopify e Prestashop. Su diversi tipi di siti che prevedono la vendita di prodotti, viaggi, servizi e quant'altro, Sarà prevista la presenza di un bottone che permetterà di effettuare il pagamento dopo solo due click, ovviamente esclusivamente per chi ha già creato ed attivato un account Amazon Pay.

La presenza di Amazon quindi si sta espandendo ulteriormente, diventando sempre di più il punto di riferimento per qualunque tipo di shopping on-line.

Marco Bazzan - Venerdi 14 Aprile 2017 - 11:24:12

Jeff Bezos

Mercoledì è stata pubblicata la lettera annuale che Jeff Bezos ha indirizzato a tutti i soci di Amazon.

Sicuramente Jeff sa la sua su come dirigere un business di successo, e questa lettera ne è un' ulteriore dimostrazione. Spiega che essere devoti ai propri clienti è la cosa più importante in assoluto e condivide altri spunti chiave che lui consiglia per tutti i business.

Ma non voglio raccontarvelo io. Ecco la sua lettera tradotta in italiano, mantenendo il suo stile informale e diretto:

"Jeff, in cosa consiste il "Day 2"?"

Questa è una domanda che ho ricevuto all'ultimo meeting "all hands". Ricordo da tempo alle persone che siamo nel "Day 1" da un paio di decenni. Io lavoro in un palazzo di Amazon chiamato Day 1, e quando abbiamo cambiato sede, ci siamo portati dietro il nome con noi. Passo molto tempo pensando a questo tema.

"Day 2 è una stasi. Seguita da irrilevanza. Seguita da una dolorosissima discesa. Seguita dalla morte. Per questo è sempre Day 1."

Per essere chiari, questo tipo di declino succede con estrema lentezza. Un'azienda affermata potrebbe covare il Day 2 per decenni, ma il risultato finale arriverà lo stesso.

Il mio interesse è indirizzato a questa domanda, come si evita il Day 2? Quali sono le tecniche e le tattiche? Come si mantiene la vitalità del Day 1, anche dentro ad una grande organizzazione?

Una domanda del genere non può avere una risposta semplice. Ci saranno molti elementi, percorsi multipli, e molte trappole. Non ho la risposta intera, ma potrei saperne alcune parti. Ecco uno "starter pack" di difese essenziali per il Day 1: ossessione per i clienti, una visione scettica degli standard, l'adozione rapida di trend esterni, e una capacità decisionale ad alta velocità.

La vera ossessione per i clienti

Esistono molti modi per inquadrare un business. Puoi essere focalizzato sulla competizione, sul prodotto, sulla tecnologia, sul business model, e ce ne sono molti altri. Ma nella mia ottica, l'ossessione e focalizzazione sul cliente è di gran lunga la più protettiva per la vitalità del Day 1.

Perché? Esistono molti vantaggi per un approccio incentrato sul cliente, ma c'è n'è uno grande: i clienti sono sempre estremamente insoddisfatti, anche quando dicono di essere contenti e il business va alla grande. Anche quando non se ne sono ancora accorti, i clienti vogliono qualcosa di meglio, e il tuo desiderio di soddisfarli ti porterà ad inventarlo per loro. Nessun cliente ha mai chiesto ad Amazon di creare il programma Prime, ma di sicuro abbiamo scoperto che lo volevano, e potrei fare molti altri esempi.

Restare nel Day 1 necessita di esperimentare con pazienza, accettare i fallimenti, piantare semi, proteggere i germogli, e raddoppiare quando si vede la soddisfazione dei clienti. Una cultura incentrata sul cliente è la migliore per creare le condizioni dove tutto ciò possa succedere.

Evita gli Standard

Con la crescita e l'aumentare della complessità delle aziende, si tende verso una gestione standardizzata. Questo avviene sotto forme e dimensioni diverse, ed è pericoloso, impercettibile, e molto Day 2.

Un esempio comune sono le standardizzazioni sotto forma di processi. Buoni processi ti aiutano a servire meglio il cliente. Ma se non fai attenzione, il processo può diventare il soggetto principale.

Questo succede molto facilmente nelle organizzazioni grandi. Il processo diventa il modo di standardizzare il risultato che vorresti. Smetti di guardare i risultati e ti assicuri soltanto di svolgere il processo correttamente. "GULP". Non è raro sentire un responsabile Junior difendere un cattivo risultato con frasi simili a "Bè, abbiamo seguito la procedura." Un responsabile più esperto invece sfrutterà l'occasione per investigare e migliorare il processo. Il processo non è il soggetto principale. È sempre importante chiedersi, siamo noi in controllo del processo, o è il processo che ci controlla? In un'azienda Day 2, troverai che è vera la seconda situazione.

Un altro esempio: ricerche di mercato e questionari possono portare alla standardizzazione dei clienti - il che è veramente pericoloso quando stai cercando di inventare o progettare prodotti. "Cinquantacinque percento dei beta tester hanno detto di essere soddisfatti con questa funzione. È un aumento dal 47% del primo questionario." Questo è un dato difficile da interpretare e potrebbe inconsapevolmente portarci fuori rotta.

Gli inventori e designer bravi capiscono profondamente i loro clienti. Spendono tantissime energie sviluppando quella capacità intuitiva. Studiano e capiscono molti aneddoti, al posto di qualche media generata da un questionario. Vivono il loro design.

Non sono contrario alle ricerche di mercato o ai beta test. Ma tu, proprietario del prodotto o del servizio, devi capire il cliente, avere una visione, e amare la tua offerta. A quel punto, beta test e ricerche posso aiutarti ad individuare i tuoi punti cechi. Una grande "customer experience" nasce dal cuore, intuizione, curiosità, gioco, stomaco e gusto. Non troverai nulla di tutto ciò in un questionario.

Accogli i trend esterni

Amazon sta testando il suo supermercato gestito dalla IA a Seattle.

Il mondo esterno può spingerti verso Day 2 se non vuoi o non puoi accogliere i trend potenti velocemente. Se li combatti, stai probabilmente combattendo contro il futuro. Accoglili e avrai il vento a poppa.

Questi grandi trend non sono difficili da individuare (se ne parla e scrive un sacco), ma possono essere stranamente difficili da accogliere per le grandi organizzazioni. Ne siamo in mezzo a uno molto ovvio proprio ora: Intelligenza artificiale e "machine learning" (apprendimento automatico).

Nell'ultimo decennio i computer hanno grossolanamente automatizzato compiti che i programmatori dovevano descrivere con regole e algoritmi precisi. Le tecniche moderne di apprendimento automatico ci permettono di fare la stessa cosa per compiti che sono molto più difficili da descrivere con regole precise.

 Come Amazon, siamo stati molti concentrati sull' applicazione pratica dell'apprendimento automatico da molti anni ormai. Parte di questo lavoro è facilmente visibile: i nostri droni di Prime Air Delivery autonomi; i negozi Amazon Go che sfruttano la "vista" automatica per eliminare le code; e Alexa, il nostro assistente legato al cloud. (Avremo difficoltà ad affrontare le richieste per Echo, nonostante le nostre migliori intenzioni. Un problema di alta qualità, ma sempre un problema. Ci stiamo lavorando)

Ma una gran parte di quello che facciamo con l'apprendimento automatico rimane sotto la superficie. L'apprendimento automatico ormai controlla i nostri algoritmi per le previsioni di richiesta, ranking di ricerca dei prodotti, raccomandazioni di prodotti e offerte, piazzamento di beni, monitoraggio di frodi, traduzioni, e molto altro. Anche se meno visibile, gran parte dell'impatto che avrà l'apprendimento automatico sarà di questo tipo - il miglioramento di operazioni fondamentali in maniera silenziosa, ma importante.

Dentro AWS, siamo entusiasti di poter ridurre i costi e le barriere all'apprendimento automatico e alla IA, per far si che organizzazioni di tutte le dimensioni possano avvantaggiarsi di queste tecniche avanzate.

Usando le nostre versioni pre-impostate di "deep learning" framework basati su istanze P2 (ottimizzate per questi lavori), i clienti stanno già sviluppando sistemi potenti che partono dalla rilevazione anticipata di parassiti e arrivano all'aumento di resa delle agricolture. Abbiamo anche reso i servizi più elevati di Amazon disponibili e convenienti. Amazon Lex (quello che sta dentro ad Alexa), Amazon Polly, e Amazon Rekognition rimuovono gran parte della difficoltà nel riconoscimento automatico vocale, generazione vocale e analisi delle immagini. Possono essere raggiunte tramite semplici API - nessun tipo di esperienza con l'apprendimento automatico necessaria. Tenete d'occhio questo campo. Arriverà altro.

Capacità decisionale ad alta velocità

Aziende Day 2 prendono decisioni di alto livello, ma le prendono lentamente. Per mantenere l'energia e il dinamismo del Day 1, devi in qualche modo prendere decisioni di alto livello ad alta velocità. Facile per le start-up ma molto difficile per le organizzazioni grandi. Il Senior Team di Amazon è dedito a mantenere le nostre capacità decisionali veloci. La velocità è importante nel business - inoltre un ambiente con una capacità decisionale veloce è più divertente. Non sappiamo tutte le risposte, ma ecco alcuni ragionamenti.

Primo, non usare un approccio "taglia unica" nel processo decisionale. Molte decisioni sono reversibili, porte a due direzioni. Quelle decisioni possono usare processi leggeri. Per quelle, chissene frega se hai sbagliato? Ho scritto con maggior dettaglio su questo argomento nella lettera dell'anno scorso.

Secondo, la maggior parte delle decisioni probabilmente andrebbero prese con più o meno il 70% delle informazioni che vorresti avere. Se aspetti il 90%, nella maggior parte dei casi, sei lento. Inoltre, in ogni caso, devi essere bravo nell'essere veloce a riconoscere e correggere le decisioni sbagliate. Se sei bravo ad aggiustare la rotta, sbagliarsi può essere meno costoso di quel che pensi, mentre essere lento sarà sicuramente costoso.

Terzo, usa la frase "disaccordo ma impegnato." Questa frase risparmierà molto tempo. Se hai la convinzione che si debba andare in una certa direzione, anche se non hai consenso, è utile dire "Guarda, lo so che non siamo d'accordo su questo ma prendi il rischio con me? disaccordo ma impegnato?" Quando arrivi a questo punto, nessuno può sapere la risposta con certezza, e probabilmente riceverai un "si" veloce.

Questa non è una strada a senso unico. Se sei il capo, dovresti farlo anche tu. Io sono in disaccordo e mi impegno sempre. Recentemente abbiamo dato il semaforo verde a un Amazon Studios originale. Ho detto alla squadra il mio punto di vista: dubbioso se sarebbe stato interessante abbastanza, difficile da produrre, i termini di business non sono molto buoni, e abbiamo molte altre opportunità. Loro avevano un punto di vista completamente diverso e volevano procedere. Ho risposto immediatamente con "non sono d'accordo ma mi impegno e spero che diventi la cosa più guardata che abbiamo mai fatto." Pensate quanto più lento sarebbe stato questo ciclo decisionale se la squadra avesse dovuto convincermi, piuttosto che semplicemente chiedere il mio impegno.

Nota cosa non è questo esempio: non sono io che mi dico "bè, questi ragazzi si sbagliano e non capiscono, ma non ho voglia di discutere." È un disaccordo onesto di opinioni, una candida espressione del mio punto di vista, una opportunità per la squadra di dare peso alla mia opinione e un veloce, sincero impegno di seguire la loro scelta.

Visto che questa squadra ha già portato a casa 11 Emmy, 6 Golden Globe, e 3 Oscar, sono semplicemente lieto che mi lascino entrare nella stanza!

Quarto, riconosci i veri problemi di convergenza presto e falli scalare immediatamente.

A volte le squadre hanno obiettivi diversi e punti di vista fondamentalmente diversi. Non sono allineati. Nessun numero di discussioni o appuntamenti risolverà quella convergenza mancante. Se non si fa scalare, il meccanismo standard di risoluzione è l'esaurimento. Chi ha più resistenza porta avanti la decisione.

Ho visto molti esempi di mancata convergenza negli anni ad Amazon. Quando invitammo seller terzi per competere direttamente con noi sulle pagine descrittive dei nostri prodotti - quella fu grande. Molti Amazoniani intelligenti e ben intenzionati non erano minimamente allineati con quella direzione. La grande decisione ha impostato centinaia di decisioni più piccole, molte delle quali richiedevano di essere portate al Senior Team.

"Mi hai esaurito" è un pessimo processo decisionale. È lento e stancante. Far scalare velocemente la questione - è meglio.

Quindi, ti sei accontentato di qualità decisionale, o consideri anche la velocità decisionale? I trend mondiali sono venti in poppa per te? Sei vittima delle standardizzazioni, o le sai sfruttare? Ma più importante di tutto, stai rendendo felici i tuoi clienti? Possiamo avere l'ottica e le capacità di una grande azienda e lo spirito e il cuore di una piccola. Ma dobbiamo scegliere di farlo.

Un enorme ringraziamento a ogni singolo cliente per averci permesso di servirvi, ai nostri soci per il vostro supporto, e agli Amazoniani ovunque per il vostro duro lavoro, la vostra genialità, e la vostra passione.

Come sempre, allego una copia della nostra lettera originale del 1997. È sempre Day 1.

Cordiali saluti,

Jeff

Marco Bazzan - Giovedi 13 Aprile 2017 - 03:53:53

Ecco la prima puntata di due webinar che saranno dedicati alla introduzione e spiegazione di questa fantastica opportunità: Diventare Imprenditori del Web vendendo su Amazon.

Marco Bazzan - Mercoledi 12 Aprile 2017 - 12:33:34

blue origin lancia un razzo

il CEO di Amazon, Jeff Bezos, ha dichiarato di voler vendere $1 miliardo di azioni all'anno per generare fondi destinati alla sua azienda aerospaziale Blue Origin. Con un valore netto di $78 miliardi (secondo uomo più ricco al mondo) sicuramente ha le risorse finanziarie per andare avanti qualche decennio. Tutto questo è per far si che Blue Origin rimanga competitiva contro SpaceX, l'azienda di Elon Musk che compete nello stesso settore del trasporto spaziale, sia per scopo commerciale che turistico.

In occasione della 33sima Space Symposium nel Colorado, Bezos ha specificato i suoi piani per il futuro di Blue Origin e del turismo spaziale in generale. In teoria Blue Origin renderà il suo veicolo New Shepard operazionale e pronto per i clienti entro il 2018. Sembra una dichiarazione molto coraggiosa, ma l'azienda ha già lanciato e atterrato New Shepard 5 volte!

Il piano prevede il trasporto di passeggeri molto benestanti al confine dello spazio, dove potranno provare l'esperienza della mancanza di gravità, mentre grazie a enormi finestre osserveranno la terra. SpaceX invece vuole portare astronauti sulla ISS (International Space Station) sul suo razzo Falcon 9. Musk però dice che intende portare persone intorno alla luna già l'anno prossimo, usando il Falcon Heavy che è più potente.

Blue Origin sembra avere altre ambizioni allo stesso tempo. Attualmente l'azienda sta sviluppando un veicolo ancora più grande che si chiamerà New Glenn, che sarà più alto di New Sheperd e sarà munito di 7 motori Blue Origin chiamati BE-4. Questo veicolo sarà simile in altezza e potenza a quello più famoso della NASA chiamato Saturn V, che aiuto i primi austronauti ad avvicinarsi alla luna.

La United Launch Alliance ha già mostrato interesse nel acquistare/utilizzare i motori BE-4 per un loro veicolo nominato Vulcan, il che dimostra una ulteriore via per Blue Origin dove potranno fornire support e materiali per altre aziende intente ad affrontare l'industria del trasporto spaziale. Tra le dichiarazioni fatte a Colorado Springs, Bezos ha stimato che serviranno $2,5 miliardi per sviluppare New Glenn, che dovrebbe partire da Cape Canaveral in Florida entro la fine del decennio.

Fonte: Space News

Marco Bazzan - Martedi 11 Aprile 2017 - 04:26:38

Categorie Amazon

La categoria "Health & Personal Care" è una delle categorie Amazon più difficili da accedere tra quelle non ristrette.

Dal 5 Aprile 2017 la maggior parte dei Seller ricevevano un messaggio di errore quando cercavano di ottenere l'approvazione per questa categoria. Amazon recentemente ha spostato questa categoria, rimuovendola, ma lasciando il link visibile tra quelle ristrette anche se ancora danneggiato.

In teoria Amazon sta pianificando un cambiamento di nomi per un paio di categorie. "Health & Personal Care" dovrebbe diventare "Health & HouseHold", mentre "Beauty" dovrebbe diventare "Beauty & Personal Care".

Banalmente questo significa che Amazon sta cercando di riorganizzare il sistema di catalogazione, spostando la maggior parte del "Personal Care" nella sezione "Beauty".

Siamo tutti in attesa di conferme ufficiali da parte di Amazon, ma nel frattempo potete già aggiungere i vostri prodotti in questa categoria chiamata "Health & HouseHold".

Una grande notizia per tutti i seller che stanno cercando di focalizzarsi ed espandersi in questa categoria.

Diventa imprenditore del web con Amazon: www.imprenditoridelweb.com

Marco Bazzan - Lunedi 10 Aprile 2017 - 11:24:18

Ecco cosa succede tra il momento in cui acquistiamo su Amazon e la spedizione del nostro prodotto.

Marco Bazzan - Venerdi 7 Aprile 2017 - 04:49:38

Amazon cerca lavoratori

Nel corso del prossimo anno Amazon prevede di assumere 30.000 addetti part-time al customer service virtuale, i quali avranno anche accesso a rimborsi per gli studi.

"Molte persone vogliono o hanno bisogno di un lavoro flessibile - che siano coniuge di un militare, studenti universitari, o genitori - e siamo fieri di dare la possibilità a queste persone talentuose, ovunque essi vivano," ha dichiarato Tom Weiland, il vice presidente del Worldwide Customer Service di Amazon.

Oltre alle posizioni di virtual customer service, Amazon prevede nei prossimi 18 mesi anche 100.000 assunzioni a tempo pieni, con benefit completi. Ma non finisce qui. Amazon creerà più di 25.000 ruoli part-time nel prossimo anno nei centri di smistamento negli U.S.A.

Questi ultimi impiegati part-time che timbrano più di 20 ore a settimana ricevono benefit pieni, inclusa una assicurazione sulla vita e sulla disabilità, assicurazione per cure oculistiche e dentali coperte totalmente da Amazon, con anche un supporto verso l'assicurazione medica (tema molto caldo in America).

L'espansione del gigante americano sembra non avere fine.

Fonte: wsbtv.com