Questo sito utilizza solo cookie tecnici, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso in quanto necessari a fornire i servizi richiesti. Se vuoi saperne di più clicca qui
Accetto

Scarica gratis
l'e-Book "Imprenditori del Web con Amazon"

Sì, voglio scaricare subito GRATIS questo e-book. Inserendo qui sotto il tuo indirizzo email NON riceverai MAI spam e potrai cancellarti in qualunque momento con 1 semplice click! Privacy Policy
Marco Bazzan - Giovedi 19 Aprile 2018 - 03:07:19

Jeff Bezos, CEO di Amazon, ha recentemente condiviso il numero esatto di iscritti Prime, sottolineando il grande successo del programma che può contare su oltre 100 milioni di abbonati.

Marco Bazzan - Giovedi 12 Aprile 2018 - 04:49:55

Amazon Building Entrance

Nel 2017 Amazon è stata l'azienda americana a spendere più di tutti nella ricerca e sviluppo, aumentando i propri sforzi economici in questo settore del 41% in confronto all'anno precedente, per arrivare ad un investimento totale di 22,6 miliardi di dollari!

Il secondo posto viene assegnato ad Alphabet che ha investito 16,6 miliardi, seguita da altri grandi nomi come  Intel (13,1), Microsoft (12,3), Apple (11,6), Johnson & Johnson (10,4), Merck (9,6), Ford (8), Facebook (7,8) e Pfizer (7,6).

Marco Bazzan - Mercoledi 4 Aprile 2018 - 03:31:40

Secondo una delle più importanti agenzie che gestisce circa la metà delle operazioni di pagamento effettuate con carte in Italia, durante il periodo di Pasqua (dal 31 marzo al 2 aprile), sono stati spesi 15 milioni: il 23,5% in più rispetto ai 12,1 milioni della Pasqua 2017. Una crescita che testimonia come gli italiani inizino ormai a prendere confidenza con i pagamenti digitali, che si tratti di quelli effettuati tramite carte di credito, debito o prepagate direttamente negli esercizi commerciali o tramite e-commerce.

Secondo il quadro disegnato dall'agenzia, 4 milioni di transazioni sono relativi ai pagamenti online, pari al 26,5% del totale, in crescita del 44% circa rispetto al 2017, quando in Italia erano state effettuate 2,8 milioni di operazioni online.

Quanto poi al commercio tradizionale, anche in questo caso  il trend dei pagamenti tramite carte mostra il segno più, con un aumento del 17,5% rispetto alle festività pasquali del 2017 e 11 milioni di operazioni a fronte dei 9,3 milioni dell’anno scorso.

Fonte: pagamentidigitali.it
 

Marco Bazzan - Lunedi 26 Marzo 2018 - 04:46:48

Drone Consegna pacchi

Amazon crede tantissimo nella consegna dei pacchi tramite droni ed è chiaramente convinta che questa sia davvero la nuova frontiera delle spedizioni. Recentemente è arrivata notizia dall'Ufficio Brevetti e Marchi degli Stati Uniti di un nuovo sistema in grado di rispondere ai gesti umani.

 

L'obiettivo di Amazon è quello di sviluppare una flotta di veicoli aerei senza equipaggio in grado di inviare rapidamente pacchetti ai clienti in trenta minuti o meno. Il brevetto in questione potrebbe aiutare Amazon a cimentarsi con il modo in cui i robot volanti possono interagire con gli spettatori umani e con i clienti che aspettano sul ciglio della porta.

A seconda dei gesti di una persona il drone sarà in grado di comportarsi di conseguenza. La macchina potrebbe rilasciare il pacco che sta trasportando, alterare la traiettoria di volo per evitare incidenti, chiedere agli umani informazioni o interrompere la consegna.

Tra le varie illustrazioni viene mostrata una persona fuori da casa, che sbatte le mani in quello che viene descritto da Amazon come "un modo poco accogliente", il tutto correlato da una bolla vocale che esce dalla bocca dell'uomo, a conferma di una situazione poco gradevole.

"Il destinatario umano e/o gli altri esseri umani possono comunicare con il veicolo utilizzando gesti umani per aiutarlo lungo il percorso di consegna" si legge nel brevetto.

Un altro diagramma descrive un sistema di lettura del linguaggio del corpo umano durante la consegna. Secondo il brevetto, il sistema di comunicazione del drone includerebbe una serie di sensori, tra cui uno di profondità e telecamere in grado di rilevare la luce visibili, ad infrarossi ed ultravioletta. I droni saranno in grado di riconoscere i gesti delle mani e del corpo, oltre alle voci umani ed il movimento delle persone.

Se i droni si ritengono liberi di effettuare la consegna, rilasciano il pacco con un'imbottitura extra per evitare il danneggiamento della merce.

Fonte: everyeye.it

Marco Bazzan - Venerdi 23 Marzo 2018 - 06:48:10

Per la prima volta la capitalizzazione del colosso di ecommerce ha sorpassato quella della holding di Google. Vanta una capitalizzazione in Borsa pari a 768 miliardi di dollari

Amazon Vs. Google

Per la prima volta la capitalizzazione di Amazon ha sorpassato quella di Alphabet; questo ha permesso al colosso americano del commercio elettronico di diventare la seconda azienda al mondo quotata piu’ grande dopo Apple, che semina tutti di molto. Amazon (+2,69% a 1.586,51 dollari) vanta una capitalizzazione di 768 miliardi di dollari; il titolo di Classe C della controllante di Google (-0,2% a 1.097,71 dollari) ha un valore di 762,8 miliardi. Apple (-0,03% a 175,24 dollari) ha una capitalizzazione di 889,2 miliardi. Gli investitori temono che Alphabet possa essere travolta dalle polemiche che hanno investito pesantemente Facebook, apparentemente incapace di tutelare i dati dei suoi utenti come suggerisce il caso di Cambridge Analytica.

Fonte: Corrieredellasera.it

Marco Bazzan - Martedi 13 Marzo 2018 - 10:53:28

La Federal Aviation Administration vicina all’autorizzazione. Sperimentazioni in vista da maggio, il lancio ufficiale possibile già in estate. Mentre Google, Amazon, General Electric, Boeing si preparano a lanciare una “superstrada” a bassa quota, tutta privata, riservata ai mini-velivoli unmanned.

drone

Droni consegna-pacchi negli Usa già dalla prossima estate. E’ la previsione che rimbalza sui media americani dopo la notizia (lanciata dal Wall Street Journal) secondo cui la Federal Aviation Administration (Faa), l’autorità federale per la sicurezza aerea, sarebbe a un passo dal dare il via libera alla consegne via drone. La mossa, un assist ad Amazon che da tempo sta lavorando ai mini-velivoli per l’ultimo miglio della propria filiera, sarebbe in linea con gli obiettivi della Casa Bianca che punta ad accelerare per recuperare terreno: in Australia e Uk le sperimentazioni sono già state avviate.

Le sperimentazioni potrebbero partire da maggio. Amazon, in particolare, punta a consegnare ai clienti pacchi del peso massimo di 2,3 chili entro un raggio di 20 miglia.

Rimangono però alcuni ostacoli nel raggiungimento dell’obiettivo. I gruppi tecnologici devono dare una serie di rassicurazioni in tema di sicurezza alle autorità. E la Faa deve mettere a punto un percorso legale per aggirare le restrizioni sull’uso di droni nella consegna delle merci. Secondo Jay Merkle (Faa) i droni potrebbero essere pronti ai primi decolli commerciali “già da questa estate”. Nessun commento da Amazon anche se il responsabile consegne, Gur Kimchi, ha detto che le restrizioni legislative dovrebbero essere superate entro il 2019.

Il tutto, mentre Amazon, General Electric, Google, Boeing stanno già lavorando alla realizzazione di una “superstrada” aerea per droni, interamente gestita e finanziata da privati, in alternativa a quella federale.

Fonte: Corrierecomunicazioni.it

 

Marco Bazzan - Giovedi 8 Marzo 2018 - 03:23:40

Amazon sta pensando alla sua cripto moneta, utile inizialmente per il settore dei "gamers" ma nulla vieta che più avanti questa moneta non venga applicata agli acquisti on-line dell'e-commerce più famoso al mondo.

L'articolo di tecnoandroid.it ha altri dettagli:

http://www.tecnoandroid.it/2018/03/04/anche-amazon-la-sua-criptomoneta-diamo-benvenuto-refereum-314261

Marco Bazzan - Martedi 27 Febbraio 2018 - 08:51:38

Amazon annuncia oggi che le aziende italiane che vendono su Amazon Marketplace hanno raggiunto la cifra record nelle vendite all’estero di oltre €350 milioni nel 2017. Oltre 10 mila imprese italiane vendono su Amazon Marketplace e oltre un terzo esportano i loro prodotti soprattutto in Europa e alcune anche in tutto il mondo.

Marco Bazzan - Lunedi 19 Febbraio 2018 - 04:50:27

Il grande Michele Tampieri condivide la sua recensione sul nostro corso di Imprenditori del Web

Marco Bazzan - Giovedi 8 Febbraio 2018 - 05:43:17

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - New York, 07 feb - La capitalizzazione di Amazon ha per poco superato quella di Microsoft per la prima volta diventando la terza piu' grande azienda americana, dietro ad Alphabet e Apple (che semina tutti di gran lunga). Il valore di borsa del colosso americano del commercio elettronico e' attualmente di 700,5 miliardi di dollari ma si era portata sopra i 704 miliardi poco fa. La capitalizzazione di Microsoft e' di 702,3 miliardi di dollari. Alphabet vale 744,9 miliardi e Apple 820 miliardi. Da inizio anno il titolo Amazon e' salito del 24,4% e negli ultimi 12 mesi del 79%. Microsoft ha aggiunto il 6,6% nel 2018 e il 43,8% nell'ultimo anno. La controllante di Google ha messo a segno un rialzo dell'1,8% da gennaio e un +29% nell'ultimo anno. Apple e' in calo del 4,5% da inizio anno ma e' salito del 22,8% nel corso degli ultimi 12 mesi.

Marco Bazzan - Mercoledi 31 Gennaio 2018 - 11:38:16

Ecco come Amazon gestisce i suoi magazzini in America.
Presto questa tecnologia verrà implementata anche nei magazzini italiani.

Marco Bazzan - Venerdi 26 Gennaio 2018 - 08:13:24

Marco Bazzan - Giovedi 25 Gennaio 2018 - 04:29:03

Ringraziamo anche Massimo per questa ottima recensione del nostro corso e della Business Academy:

Marco Bazzan - Mercoledi 24 Gennaio 2018 - 03:24:37

Ringraziamo Guido, che una volta finito il corso ha fatto questa video recensione della Business Academy:

Marco Bazzan - Lunedi 22 Gennaio 2018 - 03:15:44

amazon go

Lunedi mattina ha aperto i battenti al pubblico Amazon Go, dove per fare la spesa basta avere sotto mano l'app, senza tirare fuori il portafogli.

Dopo quasi un anno di test, apre il nuovo negozio fisico di Amazon Go dove potere acquistare la merce esposta sugli scaffali con un cestino ''virtuale''. Se il prodotto viene rimesso al suo posto, il sistema è in grado di stornarlo dal conto. Le vetrine piene di bibite, snack e altri prodotti alimentari ''nascondono" centinaia di sensori che - insieme alle telecamere - ne tracciano lo spostamento. Dietro al sistema intelligente che va a sostituire i registratori di cassa e le eventuali code in attesa, c'è la tecnologia proprietaria "Just Walk Out", sviluppata ad hoc dall'azienda dopo avere studiato per anni le abitudini dei consumatori Usa. L’apertura del negozio era prevista nei primi mesi dell’anno scorso, me è stata rimandata per garantire che il sistema funzionasse al cento per cento.

Fonte: La Repubblica
Foto: Reuters

Marco Bazzan - Venerdi 12 Gennaio 2018 - 02:48:54

digital amazon dash

Fonte immagine: Amazon.com

La digitalizzazione dei pulsanti Amazon Dash, volta a rendere sempre più immediati e veloci gli acquisti, si è estesa da poche ore anche alle terze parti, grazie ad un tool dedicato agli sviluppatori.

Con un comunicato ufficiale, Amazon ha annunciato il nuovo kit Virtual Dash Button Service (VDBS), che consentirà ad altre aziende di creare i propri pulsanti Dash digitali, visualizzabili sugli schermi di una molteplicità di device, in modo da creare una lista di scorciatoie rapide per l'acquisto di alcuni prodotti con un solo click.

Amazon ha poi fornito un aggiornamento sul servizio Dash Replenishment, pensato per il riordino di alcuni materiali di consumo, prima del loro esaurimento.

Tra i nuovi brand che hanno aderito al servizio troviamo HP ed Epson, che stano sviluppando stampanti con riordino automatico dell'inchiostro, 3M al lavoro su filtri dell'aria che possono essere ordinati prima della sostituzione, ed infine, anche Illy (noto marchio di produzione di macchine e cialde per il caffè) cercherà non lasciarvi mai senza la vostra carica di caffeina.

Come sempre, tutte queste novità fanno riferimento al solo mercato americano, in Italia stiamo ancora aspettando la versione digitale di Amazon Dash.

Fonte: HD Blog.it

Marco Bazzan - Mercoledi 10 Gennaio 2018 - 05:51:40

Mercato mondiale Amazon

Marco Bazzan - Giovedi 14 Dicembre 2017 - 09:07:22

Camion Amazon

Le spedizioni Amazon potrebbero diventare “in house”, riducendo il sovraffollamento nei magazzini e consentire a più utenti Prime di sfruttare la spedizione a due giorni dei suoi prodotti.

Ad oggi Amazon ha sempre affidato le sue consegne ai partner di terze parti, tra cui FedEx, UPS o anche BRT, GLS e Poste Italiane in Italia; la creazione di servizio di consegna interno e gestito interamente in proprio sarebbe un altro passo verso la riduzione della sua dipendenza da entità esterne, oltre ad una ulteriore integrazione verticale della sua catena logistica, con potenziale riduzione dei costi.

I test (dice Bloomberg) avrebbero preso il via già da due anni in India, e Amazon si starebbe preparando segretamente per espandere il servizio negli Stati Uniti con il nome di Seller Flex. Un fase di test è già iniziata con base sulla West Coast, e verrà esteso agli altri Stati a partire dal ​​prossimo anno.

Per Amazon sviluppare i propri prodotti e assicurarsi di arrivare a casa degli utenti appoggiandosi alla minor quantità possibile di aziende di terze parti è sicuramente una priorità assoluta.

Per un’azienda che gestisce oggi un negozio sperimentale di farmaci, dispone di una catena di supermercati USA, librerie fisiche, servizi di smart home, video e musica in streaming, oltre a uno dei maggiori e-commerce del globo, lo sviluppo anche di un servizio di consegna proprietario sembra sottintendere il messaggio che Amazon possa ormai essere in grado di gestire interamente tutta la catena, dalla produzione (come succede per alcuni tipologie di oggetti) fino al recapito in casa del cliente

Fonte: Macitynet.it

Marco Bazzan - Giovedi 30 Novembre 2017 - 02:59:34

red amazon speaker

Se siete a corto di idee per gli acquisti natalizi, vi segnaliamo un regalo che, oltre a rendere certamente felice chi lo riceverà – specie se si tratta di una persona amante della tecnologia o della musica –, contribuirà a debellare Aids, tubercolosi e malaria. Di quale oggetto stiamo parlando? Dello speaker Echo di Amazon che, per l’occasione, si tinge di rosso.

In questi giorni infatti il colosso statunitense ha firmato un accordo con Product Red, marchio no-profit usato da tutte le aziende che vogliono contribuire alla causa benefica, e, a partire dal 6 dicembre in USA, ogni Speaker rosso venduto contribuirà a sostenere il Fondo Globale per la lotta all’ Aids, alla tubercolosi e alla malaria in Africa.

L’Echo costerà 99 dollari, come le versioni in tessuto di altri colori, ma, per ogni speaker rosso acquistato, Amazon destinerà 10 dollari in favore del Fondo Globale.

La compagnia di Jeff Bezos non è la prima a sostenere questa importante iniziativa: da Armani, a Dell, a Starbucks, sono state diverse le aziende disposte a sostenere questa campagna creando prodotti in edizione speciale rossa. Anche la Apple, tempo fa, aveva aderito alla causa proponendo una particolarissima versione red di iPhone.

fonte: felicitapubblica.it

Marco Bazzan - Lunedi 20 Novembre 2017 - 06:10:31

happy birthday

il 19 Novembre 2007 Amazon lanciava il Kindle, ormai noto come l’ebook reader di riferimento. La cosa da sottolineare però, secondo noi, è l’atteggiamento che portò alla nascita di questo strumento.
 
Il Kindle ai tempi sembrava in conflitto con la principale attività di Amazon stessa che era specializzata nella vendita di libri cartacei on-line, ma fù proprio grazie alla mentalità contro corrente di Jeff Bezos che Amazon sviluppò il Kindle.
 
Quando Jeff chiese al suo team di sviluppare il Kindle la prima obiezione da uno dei suoi collaboratori più stretti fù la ovvia frase “Ma...Jeff, non temi che questo possa danneggiare il nostro business...” e Jeff semplicemente rispose “...Kill the business” (uccidi il business).
 
Alla fine il Kindle non ha ucciso Amazon perchè sono stati molto capaci ad innovarsi e sviluppare nuove tipologie di business per il sito Amazon.com, ma la cosa più importante è che Jeff non ha temuto la morte del suo business originale perchè era sempre più concentrato sul potenziale di una nuova attività e di un nuovo settore che stava nascendo. Proprio come fece quando lasciò il suo lavoro a New York per creare un sito e-commerce.
 
Questo è perchè Jeff, come molti altri grandi imprenditori, sa benissimo che il mondo è in costante sviluppo ed è inutile fossilizzarsi, bisogna sapersi adattare alle nuove tecnologie e le nuove potenzialità per rimanere in vita, sia come persona che come business.
 
Jeff decise di essere lui stesso il suo peggior competitor, il che non è intuitivo per tutti, ma pensandoci un attimo è il miglior modo di ottenere la resilienza ai cambiamenti.

 

Marco Bazzan - Venerdi 17 Novembre 2017 - 09:55:22

Digital Cash

Amazon annuncia Amazon Ricarica in Cassa, un servizio che consente ai clienti Amazon di ricaricare con facilità il saldo dei buoni regalo del proprio account acquistando in contanti, in oltre 40.000 punti vendita SisalPay convenzionati in tutta Italia, un Buono Regalo tra i €15 e i €500.

Per aggiungere un Buono Regalo al proprio account Amazon.it è necessario generare un codice a barre dal sito www.amazon.it/ricaricaincassa o tramite l’app mobile di Amazon. Il codice, che può essere utilizzato sia in versione digitale che cartacea, verrà quindi scansionato durante il pagamento presso il punto SisalPay e il relativo importo sarà immediatamente utilizzabile su Amazon.it. È sufficiente collegare un unico codice a barre di Amazon Ricarica in Cassa al proprio account, evitando quindi di generarne uno nuovo ogni volta

Una volta che il rivenditore ha completato la transazione, l’importo caricato è immediatamente disponibile e il cliente riceve una notifica di conferma all’indirizzo e-mail o al numero di telefono registrati sul proprio account oppure attraverso l’app mobile di Amazon. Nella sezione Il mio account è possibile visualizzare in qualsiasi momento i movimenti del proprio Saldo Amazon.

L’utilizzo di Amazon Ricarica in Cassa è completamente gratuito e consente ai clienti Amazon di aggiungere Buoni Regalo al proprio account recandosi nei punti SisalPay – il brand dei servizi di pagamento del Gruppo Sisal presente in bar, tabacchi, edicole – e utilizzando il proprio smartphone. L’elenco di tutti i negozi convenzionati è disponibile all’indirizzo www.amazon.it/ricaricaincassa o http://locator.sisal.com/. A questi si aggiungeranno prossimamente altri punti vendita.

Fonte: datamanager.it
 

Marco Bazzan - Mercoledi 8 Novembre 2017 - 11:52:33

La rivista "Esquire" ha riassunto una giornata nella vita di Jeff Bezos, il fondatore del colosso Amazon...Molto interessante!

LEGGI ARTICOLO

Marco Bazzan - Mercoledi 25 Ottobre 2017 - 05:26:36

Amazon Renewed

Amazon Italia introduce una novità che potrà far felice i propri clienti, soprattutto quelli sempre alla ricerca di buoni affari. Nelle ultime ore, infatti, il sito di e-commerce più amato al mondo ha aperto la nuova sezione Amazon Renewed, riservata ai prodotti tecnologici ricondizionati, venduti a prezzi che sfiorano anche il 40% di sconto rispetto ai corrispettivi ancora nuovi presenti sullo stesso store.

PC, Mac, Amazon Kindle, tablet, smartphone, o iPhone e iPad ricondizionati sono alcuni esempi dei prodotti che già disponibili su sito di e-commerce. Questi sono ispezionati attentamente dal team dell’azienda di Seattle, prima di essere messi in vendita da Amazon Retail o da venditori terzi (i quali devono comunque essere qualificati). I prodotti ricondizionati che arriveranno ai clienti in Italia verranno inviati dentro la confezione originale (nel caso di resi o prodotti privi di alcun difetto), oppure in una confezione Amazon generica, ma all’interno saranno presenti tutti gli accessori della confezione originale (ad esempio un caricabatterie Apple, in caso di acquisto di un iPhone).

Per quanto riguarda invece la garanzia, i prodotti ricondizionati di Amazon Renewed non beneficeranno di 12 mesi di garanzia del produttore, in aggiunta alla garanzia legale prevista dall’Unione europea. La nuova mossa di Amazon potrebbe rivelarsi vincente e potrebbe aiutare molti clienti che vorrebbero comprare i prodotti desiderati a prezzi decisamente ribassati. Sarà davvero un successo o gli utenti non si fideranno degli oggetti elettronici ricondizionati, preferendo spendere di più per dei prodotti mai usati? Solo il tempo potrà dirlo.

Fonte: CCM
 

Marco Bazzan - Lunedi 9 Ottobre 2017 - 04:58:43

Marco Bazzan - Lunedi 2 Ottobre 2017 - 04:52:52

inflazione

"Effetto Amazon" sull'inflazione americana. La concorrenza innescata dal gigante di Jeff Bezos costringe i tradizionali negozi ad abbassare i prezzi, con effetti sull'inflazione che resta al palo, ben lontano dall'obiettivo del 2% della Fed. Lo afferma il capo economista di Goldman Sachs, Jan Hatzius, stimando che l'effetto Amazon riduce i prezzi a livello core dello 0,25%.
Fonte: TGcom24

Marco Bazzan - Mercoledi 27 Settembre 2017 - 05:37:12

occhiali amazon

Mentre i Google Glass latitano, è Amazon a prendere in mano i nostri occhi proponendoci dei dispositivi hi-tech che forse avranno più fortuna di quelli di Google.

Stando al Financial Times, gli occhiali saranno diversi da quelli di Google, e anche da quelli di Snapchat. Al centro infatti ci sarebbe Alexa, l’assistente vocale che aiuterebbe chi li indossa a usare lo smartphone usando solo la voce. In più a bordo gli occhiali avranno degli speaker a conduzione ossea. Le risposte dell’assistente quindi vibreranno nella nostra testa permettendoci di ascoltare ciò che dice senza perdere il contatto con i rumori esterni.

Certo, resta da vedere come sono fatti. Non avendo schermi né fotocamere, possiamo immaginare che saranno sicuramente meno esotici dei Glass e più simili agli Spectacles di Snapchat, un fattore fondamentale. I Glass infatti sono crollati nel gradimento popolare proprio per la loro forma che rasentava l’assurdo.

Fonte: Wired
 

Marco Bazzan - Lunedi 18 Settembre 2017 - 11:07:53

Natale Amazon

Il gigante americano dell'e-commerce, che solo nel nostro paese muove milioni di pacchi ogni anno, prevede un picco di consegne con l'avvicinarsi delle feste natalizie. Il principale responsabile delle consegne in Italia sono proprio le poste italiane, le quali stimano di dover far fronte ad un aumento delle consegne che si aggirerà intorno al 30%. Per far fronte a questo sovraccarico si prevedono quindi in tutta Italia 1500 assunzioni a tempo determinato, dedicate specificamente alla consegna di pacchi Amazon.

Il lavoro prevede consegne quotidiane e rapide, dal Lunedì al Venerdì con l'aggiunta del Sabato per le città maggiori.

Chi è interessato a questa opportunità potrà inviare il proprio CV sul sito delle Poste, seguendo la procedura on-line.

Marco Bazzan - Lunedi 11 Settembre 2017 - 13:23:26

Amazon skyline

Amazon cerca la sua seconda casa. Il colosso di Jeff Bezos intende costruire il suo secondo quartier generale negli Stati Uniti in gradi ospitare fino a 50.000 dipendenti e con un investimento di 5 miliardi di dollari.

La località non e' ancora stata scelta: Amazon ha invitato gli 'interessati' a presentare le loro proposte. I requisiti per la candidatura sono: un'area metropolitana con più di un milione di abitanti, a una distanza di circa 45 minuti da un aeroporto internazionale e vicino a un forte sistema universitario. Chi intende candidarsi può presentare le proprie proposte entro il 19 ottobre.

L'annuncio innescherà probabilmente una gara fra gli stati e le città americane per accaparrarsi la seconda casa di Amazon, viste le ricadute economiche che l'investimento miliardario può avere per l'area selezionata. Il colosso delle vendite online non nasconde che gli incentivi dei governi statali e locali giocheranno come ''fattore importante'' nella scelta. Ma allo stesso tempo precisa: ogni dollaro che Amazon ha investito a Seattle ha generato complessivamente per la città ulteriori 1,40 dollari per un totale, fra il 2010 e il 2016, di ulteriori 38 miliardi di dollari di investimenti per la città.

''La nuova sede, HQ2, sarà esattamente alla pari con il quartier generale di Seattle. E porterà miliardi di dollari di investimenti e decine di migliaia di posti di lavoro ben pagati'' afferma Bezos, chiarendo che la nuova sede sarà un secondo quartier generale e non non si tratterà di uffici satellite rispetto alla base di Seattle. I manager - spiega - potranno scegliere dove basare le loro squadre di lavoro.

L'apertura della nuova mega sede conferma la corsa senza freni di Amazon, da libreria virtuale a colosso delle vendite al dettaglio mondiale. Dal 1995 a oggi Amazon ha effettuato 130 acquisizioni e investimenti in tutti i settori, dalla musica al cloud computing. In giugno ha acquistato Whole Foods per 13,7 miliardi di dollari, lanciando il proprio affondo sul mercato degli alimentari. Dopo aver rivoluzionato le librerie e l'intero commercio, mandando in crisi i vecchi grandi magazzini, Amazon punta infatti ai cibi biologici. La prossima sfida potrebbe essere alle farmacie.

Fonte: tio.ch

Marco Bazzan - Mercoledi 30 Agosto 2017 - 04:11:49

Jeff Bezos

"Bribe them" = corrompili

L'ideatore di Amazon spiega in questa maniera la strategia che ha adottato per attrarre i millennial ed invogliarli a tornare clienti di Whole Foods, la catena di prodotti alimentari recentemente acquisita dal colosso Americano dell'e-commerce, che negli ultimi anni aveva visto un calo importante di vendite.

Una generazione di grandi ideali, molto attenta alla provenienza del proprio cibo e all'impatto ambientale di ogni loro passo, con una bassa stima del denaro e delle grandi multinazionali che pensano solo ai profitti. Quindi sì ai prodotti "green", ma no al portafoglio "al verde".

Jeff ha capito bene questa nuova cultura che lo ha aiutato a rendere Amazon il colosso che conosciamo tutti (i prezzi più bassi in assoluto sono sempre stati il punto forte) ed è per questo che la maggior parte dei prodotti di Whole Foods ha visto un ribasso definitivo dei prezzi intorno al 30%. Niente male, i millennial apprezzeranno sicuramente.